Nascita di Diocleziano (22 dicembre 245 d.C.)

Gaio Valerio Diocleziano nacque in Dalmazia il 22 dicembre di un anno compreso tra il 243 e il 248 d.C.; l’Epitome de Caesaribus afferma che Diocleziano visse sessantotto anni ¹. Poiché la più probabile data della sua morte è il 313 d.C. ne possiamo dedurre che Diocleziano nacque presumibilmente nel 245.

Incerto è anche il luogo della sua nascita; secondo alcuni sarebbe nato in un villaggio chiamato Dioclea, che era anche il nome della madre ². Secondo altri il suo luogo di nascita era l’antica città di Salona (odierna Solin, alla periferia di Spalato).

20191221_132311
Ritratto di Diocleziano, Museo Nazionale della Serbia, Belgrado

Secondo Eutropio, le origini di Diocleziano erano così oscure, che alcuni lo credevano figlio di uno scriba, ed altri addirittura di un liberto affrancato da un certo senatore Anullino ³.

Il fatto che nei panegirici dedicati a Diocleziano – le orazioni pronunciate in pubblico per esaltare i meriti di un personaggio – non si faccia nessun riferimento alla sua famiglia e alla sua formazione culturale, è un chiaro indizio che nel suo passato non c’era molto di cui andare fiero. Diocleziano sapeva comunque leggere e scrivere in latino e, per un ragazzo cresciuto nel pieno della crisi del III secolo e in una zona periferica dell’impero, era già molto.

bc2621076fc6171ad42315fb03deca5d
Testa proveniente da una statua di Diocleziano,  Getty Museum,  Malibu

Alla nascita si chiamava Gaio Valerio Diocle (Gaius Valerius Diocles); aveva quindi un cognome greco, che significa “gloria di Zeus”, e che decise di romanizzare in Diocleziano (Diocletianus) solo quando fu proclamato Augusto il 20 novembre 284. Infine, con la nomina del suo vecchio compagno d’armi Massimiano ad Augusto, nei primi mesi del 286, assunse il nome definitivo di Gaio Aurelio Valerio Diocleziano, in onore degli Antonini e dei suoi predecessori che da Claudio II a Caro avevano usato il nome di Aurelio.

In Dalmazia, che nel corso del III secolo diede i natali a molti condottieri ed imperatori romani, Diocleziano trascorse un’infanzia serena pur se modesta. Di quella terra ebbe sempre una viva nostalgia e vi tornò in vecchiaia, dopo aver abdicato nel 305, per trascorrere i suoi ultimi anni in un sontuoso palazzo che vi aveva fatto appositamente costruire nell’odierna Spalato, che da “Palatium” deriva il nome.

9da9036f4ed8f37583632ae1dad60564
Ritratto di Diocleziano in età avanzata, Worcester Art Museum

Passata l’adolescenza, Diocleziano si arruolò nell’esercito, abbandonò la sua terra ed iniziò una durissima carriera militare che, da semplice recluta, l’avrebbe portato ad ottenere l’importante incarico di comandante dei protectores domestici, incaricato della protezione della persona stessa dell’imperatore. In questo ruolo di prestigio assoluto e di grande responsabilità, Diocleziano partecipò nella primavera del 283 alla spedizione di Caro contro i Persiani, al termine della quale, dopo la morte dello stesso Caro e del figlio Numeriano, il 20 novembre del 284 fu proclamato Augusto dalle truppe.

Le vicende che portarono alla rocambolesca proclamazione di Diocleziano si trovano al link https://jt1965blog.wordpress.com/2018/10/20/proclamazione-di-diocleziano/

NOTE

¹ Anonimo (Epitome de Caesaribus, 39, 7)

² Anonimo (Epitome de Caesaribus, 39, 1)

³ Eutropio (Breviarium, IX, 19, 2)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...