23 maggio: Tubilustrium dedicato a Vulcano

sarcofago portonaccio570a9_b
Particolare del sarcofago Ludovisi, III secolo d.C., Palazzo Altemps, Roma

Il 23 maggio veniva ripetuta la cerimonia del Tubilustrium, dopo quella del 23 marzo in onore di Marte, all’inizio della stagione della guerra, di cui era il dio. Questa volta, però, il  Tubilustrium si svolgeva in onore di Vulcano, a cui veniva dedicata la distruzione rituale delle armi nemiche. La festa segnava, nei tempi più antichi, la fine della normale campagna bellica, almeno di quella contro i nemici più vicini, che tuttavia poteva non essere l’ultima prima dell’arrivo dell’autunno.

La cerimonia del Tubilustrium consisteva nel lavaggio sacro (lustrium) delle trombe da guerra (tubae), usate nell’esercito romano per impartire gli ordini e anche dei corni utilizzati durante i rituali sacri. La cerimonia avveniva nell’Atrium Sutorium, la sede della congregazione dei calzolai, ed era accompagnata da sacrifici, giochi e dalla consueta partecipazione dei Salii, i sacerdoti del culto di Marte, che portavano in processione gli scudi sacri chiamati “ancilia”, a conferma della natura guerresca del rito.

Vulcano, conosciuto a Creta come Velchanos e in Etruria come Sethlans, era una divinità che personificava il fuoco distruttore sia nel bene che nel male ed aveva il suo altare con un fuoco perenne, denominato area volcani all’estremità occidentale del foro, alle pendici del Campidoglio, in un luogo detto Vulcanale (Volcanal), dove era presente anche la statua del dio. Le sue feste, dette Volcanalia, cadevano il 23 agosto. Per propiziarsi il dio che poteva essere responsabile degli incendi che in estate minacciavano di bruciare i raccolti, durante i Volcanalia, in suo onore, si compiva il crudele rito di gettare vivi dei pesciolini nel fuoco del Vulcanale, in sostituzione – secondo Varrone  e Festo – di sacrifici umani. Varrone (De lingua latina, V, 74) attribuiva a Tito Tazio l’introduzione a Roma del culto di Vulcano, al quale era preposto anche uno dei flamini minori, il Flamen Volcanalis. Solo in epoca più tarda, Vulcano venne assimilato al greco Efesto, con cui in realtà non aveva collegamenti, e divenne quindi figlio di Giove e Giunone e anche il fabbro degli dei.

5dc3eeb54cd8751633f76204997412d7
Rilievo di Vulcano, proveniente da Ercolano, Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Vulcano aveva il suo tempio fuori dalle mura, eretto prima del 215 a.C., presso il Circo Flaminio, perché, per un precetto risalente agli etruschi, non si poteva ospitare in città il dio che avrebbe potuto incendiarla, ma anche perché, come nel caso di Marte, dall’esterno sarebbe stato più semplice volgere contro i nemici il potere distruttivo del dio. A Vulcano venivano inoltre consacrate le armi e le spoglie sottratte ai nemici sconfitti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...